Inspirassion

Scegli parole eleganti
17 Metafore per  nuvola

17 Metafore per nuvola

Le nuvole erano un'architettura e una stirpe, una materia foggiata dallo statuario e dal fìgulo, una gerarchia di angeli, una genia di mostri, un paradiso di fiori.

Poi, il cielo è oleografico e le nuvole sono di bambagia.

potrebbe intendersi che le nuvole saranno del colore dell'oro.

una nuvola di melancolia m'adombra d'intorno il core.

la nuvola è donna;

LANZIRICA Quelle nuvole striate di zolfo che corrono all'orizzonte sono figlie del Simun.

La necessità delle virtù che il Cristianesimo impone è sentita anche da coloro che gli si ribellano contro, e si veggono spuntare gli albori lontani di un tempo più sereno, sebbene pel cielo, corrano ancora, a grandi masse, le nuvole tempestose e la società sia ancor tutta una lotta in cui la forza, troppo spesso, preme il diritto.

e quando le nuvole sono in moto, una continua, rapidissima, meravigliosa variazione di colori e d'aspetti, per la quale ora sembra di essere nel più gaio, ora nel più tristo paese del mondo.

le nuvole erano nemici che volevano accerchiarlo e soffocarlo.

nuvole spesse non paion rade, coruscar, figlia di Taumante, che di cangia sovente contrade;

Confrontai quell'aspetto di chiesa devastata colle magnifiche cattedrali d'Italia e di Spagna, dove sulle pareti rischiarate d'una luce soave e misteriosa, a traverso le nuvole d'incenso, s'incontrano gli sguardi amorosi degli angioli e delle sante, che ci mostrano il cielo;

Le nuvole inseguendosi parevano rasentare le muraglie diroccate, lacerarsi agli spigoli della torre mozza.

quando all’improvviso oscurossi quest’Astro, a quel che mi sembrava, in un modo onninamente diverso, che allorchè il ricuopre una nuvola.

Poco nondimeno servì ai Visconti questo vantaggio, perchè di tanto in tanto venivano spediti nuovi rinforzi al Cardona da papa Giovanni e dal re Roberto, ed erano in aria altri nuvoli.

contuttociò si può credere che un gran nuvolo di gente fosse quella nazione, dianzi dominante o sparsa nella Pannonia, Mesia, Illirico ed altre contrade.

Era notte alta, ma la nuvola qua e rotta scopriva le stelle fioche.

Un nuvolo di mosche gli turbinò intorno con un ronzio fierissimo.