Inspirassion

Scegli parole eleganti
190 collocazioni per  asino

190 collocazioni per asino

ma con alcuno assai bestie il fanno, come il cavallo coll'asino, la leonessa col leopardo e la lupa col cane.

la favola di Mida e del barbiere... La favola di Mida, re di Frigiache aveva le orecchie d'asino e le teneva occulte per vergogna, e del barbiere che lo tondeva e che, pena la vita, non doveva palesare il secreto;

Egli picchiava sistematicamente quella povera antica pelle d'asino la quale, tarlata in molti luoghi e unta d'olio, dava un suono fievole e monotono appena sensibile dieci passi distante.

vai, che ho lavato la testa all'asino;

il suo cadavere tratto a coda d'asino alle forche fuori porta Vigentina, e ivi lasciato impeso per pascolo dei corvi.

Prima di scrivere certi articoli di polemica, passeggiava in su e in giù per l'ufficio, sbuffando tutto indignato, buttando via i fasci dei giornali, apostrofando a voce alta i suoi avversari, chiamandoli pezzi d'asini, bellissimo nella sua irrequietezza e in quegli impeti d'ira.

e si capisce anche come si stizzisca quando qualcuno dei suoi più pedanti scolari gli tira il calcio dell'asino.

un rifacimento arcadico della sua novella, nel quale il famoso e scandaloso raglio dell'asino doveva essere sostituito dai gorgheggi dell'usignuolo....

la Capra, o sia cavalletto a schiena d'asino, sopra del quale costringevano lo imputato a giacersi supino;

il teorema del quadrato dell'ipotenusa, altrimenti detto il ponte degli asini;

E quando il mondo avrà saputo che il re Mida aveva gli orecchi di asino, che cosa avrà imparato?

Un omaccione tirato giù con l'accetta, colore di olio vieto, con barba e capelli più che pece neri, ombreggiato il capo da un cappellaccio d'immensa grandezza, stava ritto sul basto di un asino che gli serviva di pulpito (quanti predicatori fra noi non ne meriterebbero altro più illustre) donde prese a sermonare le turbe:

, carne di asino, di quelli che portano le pietre per le fabriche, tutti pieni di cancheri e di guidaleschi:

e che Loredana aveva soltanto la bellezza dell'asino;

«Mida ha l'orecchie d'asino», palesando cosí la sciagura di Mida,è favola nota.

Un diario della capitale, che propugnava una delle solite candidature universali, non potendogli ancora dir altro, perchè non lo conosceva e non ci aveva ai fianchi un Ferrero, si contentò di dargli dell'asino.

Taccone fu preso ed entrò a Potenza non da trionfatore, come avea sperato, ma a cavalcioni di un asino, la coda del quale servivagli da briglia:

ma gli erano proprio i trotti dell'asino, conciossiachè i Papi, per ordinario vecchi e cagionevoli, indi a poco si straccassero, o se tuttavia verdi di età, sprofondandosi nelle delizie, od in vizii altri più rei, rimettevano il primitivo ardore;

Era risoluto a parlare, ad uscire da quell'incertezza ad ogni costo, a costo di fare una dichiarazione d'amore sul dorso di un asino.

onde a ragione il proverbio c'insegna, che in pellicceria vanno più pelli di volpe che di asino.

le signore e le fanciulle, vestite di bianco e ornate di bende tricolori, circondarono mia moglie, e una di loro spiegò su lei un'ombrella di damasco e d'oro, l'ombrella del Viatico, e le colmarono il grembo di mazzi di fiori che ad ogni passo dell'asino cadevano a destra e a mancina e venivano surrogati da nuovi mazzi.

Il professore Rodolfo, con un berrettaccio di pelo d'asino sulla zucca, affacciava la testa di su 'l muro del cortile, e incitava patriotticamente quel vile cagnottolaccio tedesco contro il nostro grande e nobile orso italiano.

custodita dianzi come una gioia ora buttata per giunta, ad aggiustare la misura, a pareggiare la soma all'asino... Qualche santo aiuterà... Quando la madre ti abbandona, qual santo vuoi che pigli cura della povera figliuola?

Vuole la capezza dell'asino.

talché le mie carni son diventate come carni d'asino.

La così detta prosa de asino (Orientis partibus, ecc.) era il canto di prammatica di queste feste.

ciò che si va scrivendo da molti anni in Italia in occasione d'ogni nuova esposizione, è proprio critica d'arte o è stearica fusa in candele con molto grasso d'asino e molto scoppiettìo di lucignoli umidi?

l'origine e la personalità dei paladini vengono messe in aperta derisione, per esempio nel secondo canto, in occasione di un torneo d'asini, nel quale i cavalieri si fanno comparire nelle più goffe divise ed armature.

Imbecille! Va' , uomo di fumo, sarà un arrosto di asino, hai sbagliato.

Alcuni notabili presero le redini del mio asino;

La gnà Vicenza, col pretesto delle funzioni religiose della settimana santa, stava attorno a Maria Ledda per riportare notizie, per battere il ferro, come lei diceva, mentre era caldo, perchè quella benedetta ragazza riguardo alla fuga, aveva un cuor d'asino e un cuor di leone, secondo i momenti e le piccole circostanze.

si rammenterà che Sansone con una mascella d'asino ne uccise ben mille;

Disputar del'ombra del'asino.

se ne sentiva offeso, e Fabiano gli aveva spiegato, con un ambiguo sorriso, che c'era più forza nella groppa dell'asino che nella testa del serpente.

la virtù degli uomini savi, non degli asini.

I critici credono spesso di aver messo un povero autore nel banco degli asini e di avergli inflitto un amarissimo castigo:

Egli era stato governator della Mesopotamia, e in un proverbio arabo vien lodato il coraggio di quegli asini guerrieri, che mai non fuggono davanti al nemico.

Se non m'isbaglio, mi diedero per corollario dell'asino ma per non essere la prima volta in vita mia non ne sentii troppa ira.

Certe volte fanno la corsa dell'asino.

Dopo di averla obbligata ad essere molto gentile con Giacomo, adesso trova che esagera anche lei nel fare «una corte ridicola e stupida a quell'asino-grand'uomo!...» Poi, ad un tratto, la tempesta che non può più tardare scoppia improvvisa tra i due fratelli.

Ma i calafati, sopraggiunti, in cospetto dell'asino giacente ridevano e motteggiavano.

Esse consistono in una semplice suola di cuoio di asino o di cavallo forata;

La partita di carambola è finita, ed il vincitore riceve modestamente le felicitazioni della galleria, mentre il perdente si conforta dandosi dell'asino colla convinzione di un carambolista ragionevole, il quale sa di non poter salvare il decoro di giocatore senza questo rimedio eroico.

Caporali, sergenti, tenenti, capitani, son tutta gente pagata apposta per darti dell'asino e del mascalzone una volta l'ora per turno.

Alzai la testa e vidi il mugnaio Zaccheo sul deretano dell'asino, che guardandomi attentamente si sganasciava dal ridere.

Dal desiderio del servo, dell'ancella, del bue, dell'asino o di altro che sia del tuo prossimo?

La più sconcia caricatura di queste azioni sacre erano la fête de l'âne, le Diableries e Messe degli asini in uso in Francia dal secolo XII al XVI.

... cioè il dominio degli asini!!!

La donna intanto, senza punto scrollarsi, e solo un poco infastidita del mio pianto, mi pose in una maniera di cesta, ch'era sul dosso d'un asino macro e sparuto, ch'ella aveva lasciato alla cantonata a mano ritta, propriamente dove è quella grande immagine della Vergine Annunziata.

Quia ergo ex asini obiectione ad dextram deflexistis, considerate, quam celeriter et quanta prosperitate iter vestrum perfecistis.

e che la mia era una fabbrica d'asini....

parla di fabbri, di falegnami, di asini col basto, dice che conviene essere kaloikagatoi, filosofoi....

La festa dell'asino celebravasi in chiesa.

Chi è quello sciagurato figliuolo d'un asino che ha fatto la perquisizione in casa Benda ed arrestato quel cotal Selva?

forse bisogna dire che non ci sia, poichè quando si vuole dare la stura ai sentimenti che ci riempiono il cuore... si fa come me... si sente qui una confusione e qui un gruppo... si balbetta... si piange... e si finisce per far la figura dell'asino!

E Ceccuti prendeva e leggeva (senza occhiali) il giornale o il libretto delle spese quotidiane, e Boldrighi con la punta del bastone imprimeva su la sabbia la fisionomia di un asino (senza occhiali) e ci faceva sotto un bel C affrettandosi però a cancellare il disegno prima che l'amico se ne avvedesse.

e sei folli (specie di moneta) per ciascun asino e cane.

Confermollo ancora più chiaramente dicendo d'aver ritenuto sotto la forma d'asino la mente, e lo ingegno di Lucio:

poh! meriterei proprio la frusta su l'asino....

ma passato questo primo trasporto, questa furia dell'asino che trotta, addio fichi»;

Lui salta dal gallo a l'asino.

Nondimeno Tabriz, che cominciava ad averne abbastanza di quell'assedio che dovevano sostenere sotto un sole cocentissimo, a ventre vuoto e per di più fra il polverone che l'ultima galoppata degli asini selvaggi aveva sollevato e che non si era ancora disperso, credendo che i leoni assopiti dal calore si fossero veramente addormentati, si decise a tentare la discesa.

onde si vedeva sottosopra in quel fondo non molto largo, un monte di legne, e musi e orecchie e gambe di asini tutti pesti e scorticati che scalpitavano, e que' garzoni spaventati che si davan da fare a liberarli, prender le legna e buttarle in cucina;

La domestica della ganza trasformata in asina va a denunziare al fratello-Re il trasformatore).

allora gli uomini d'armi francesi, inseguendo l'armata fuggiasca, raggiunsero bentosto gli equipaggi e ricondussero al loro campo tante bestie da soma cariche di bottino, che chiamarono questa disfatta, ottenuta senza combattere, la giornata degli asini.

La mattina, accompagnando a piedi la signora Amalia e la Matilde in una gita sull'asino sopra un colle vicino alquanto ripido e sassoso, egli aveva maravigliato l'asinaio per la celerità del suo passo sicuro e la spigliatezza de' suoi movimenti, e aveva sorpreso più volte la Matilde intenta a guardarlo con una certa compiacenza.

È innegabile che l'appetito riceve un notevole stimolo dalla vista di chi trinca allegramente in grazia dell'asino il vostro compagno in attesa di meglio cominciò a mordere in una pagnotta del suo colore.

C'è una greppia per qualunque asino, qui;

Quattro canonici alzavano i lembi della gualdrappa dell'asino.

«Egli è a guisa d'un asino a la lira».

io gli perdei d'occhio, e solo di tratto in tratto udivo gli entusiastici nitriti di Rossinante e i positivi hi hon dell'asino.

come quando confrontava il fluido parlare di alcuni vecchi savi all'incessante frinire delle cicale, o la resistenza d'un grande eroe all'indifferenza d'un asino che séguita a empirsi d'erba nel prato d'onde i bimbi vogliono cacciarlo a suon di bastonate.

Le vespe s'ingenerano dell'interiora dell'asino similmente corrotte, e l'asino essere inerte, ozioso e torpente animale, assai chiaro si conosce per tutti;

Di dal greto, che si vede qua e screziato e rallegrato da larghi cesti di romice, da candelabri fogliosi di tasso barbasso, di labbra d'asino, di denti di leone, d'orecchi di topo e di scarpette di Venere, si stende una fila nereggiante di ontàni.

L'Imperatore fu nell'Ippodromo insultato con una indegna violenza di linguaggio, specialmente da parte degli Azzurri, che, accusandolo di favorire i Verdi, gli davano di ladro, di traditore, di asino.

Claudia s'era risvegliata all'ora quarta (dieci ore del mattino), il viso simile ad una maschera di creta, a causa della mollica di pane bagnata nel latte d'asina che vi applicava durante la notte onde conservarsi fresca e bianca la pelle, e che disseccava e si screpolava la notte.

Giunto a Roma, si conciliò il popolo colla dolcezza, e celebrò il millenario della città (247) con giuochi ove combatterono trentadue elefanti, dieci orsi, sessanta leoni, un caval marino, un rinoceronte, dieci leoni bianchi, dieci asini, quaranta cavalli selvaggi, dieci giraffe, oltre belve minori e duemila gladiatori.

Ma non vedi quanta e quale, presso di noi, è la libertà fin degli asini e dei cammelli?

e per parer tali mi vengono fuori col far essere un libro un asino, e come un asino farlo stimolare coll'arri!!

Il contadino paga in moltissimi luoghi fino a 8 lire per mulo, o 5 lire per un asino, e il proprietario e il gabellotto non pagano nulla, o relativamente pochissimo, per centinaia di vacche o di bovi.

Discrettione è madre degli asini.

Gli mandi dell'asino urlò Marcòn che gli andrà benone!

è stimato una mandra di asini, ma si riserba il grande diritto di fischiare o d’applaudire:

Una vergogna, caro padrone, che Sant'Antonio benedetto non la faccia provare neppure a voi! Portato a vendere sul mercato degli asini, fui comprato dal Direttore di una compagnia equestre, il quale si messe in capo di far di me un gran ballerino o un gran saltatore di cerchi;

Vietato agli dsimmi di portare armi, montar cavalli, metter selle su' loro asini o muli, fabbricare case più alte o al ragguaglio di quelle dei Musulmani, prendere nomi proprii in uso appo i Musulmani e fin di adoperare suggelli con leggende arabiche.

Non meglio si conuien' il basto al bue, che la mitra al'asino.

, immoto con la testa china, proprio a mo' degli asini malnati, e talvolta con il di dietro alzato a springar calci in ricambio delle frustate, dei pugni su la testa e dei calci nella pancia che l'uomo, per diritto di ragione e di padronanza, elargisce all'animale, indarno.

Sorrido anche perchè, a mio scapito, un giorno io mi confrontai a Martino, che ora piange la morte dell'asino come non piangerebbe la morte di sua moglie.

e mostrerò e proverò a quel maestro ch'egli è un asino, e che il cielo è una padella.

interrogato sul tempo che ne farebbe alla domane, e avendo egli dopo l'osservazione delle stelle asseverato che non sarebbe caduta alcuna pioggia, un petulante contadino ivi presente glielo disdisse, sostenendo che alcuni movimenti del suo asino gli pronosticavano invece che dovesse cadere molta pioggia, ciò che infatti seguì, e quel villano andò in molta vanità per la sapienza della sua bestia:

ma , in fondo, dentro, si dissimula, nel volto ora, un'onesta smorfia di cavallo in riposo, ora il muso di un asino restio, ora, un cranio di cane dalla fronte piatta, dalle orecchie penzoloni, ora un ghigno di porco in grassa, spesso, anche l'aspetto di un toro stupido e brutale.

Allora uno de' tre il mutò in asino;

si dolsero che fosse nato il Padre di Giustiniano, e ne infamarono il figlio coi nomi obbrobriosi di omicida, d'asino, e di spergiuro tiranno.

La nota storiella dell'asino rubato da Pulcinella al villano, vive nella tradizione popolare;

I rigorosi precetti del Patriarca Atanasio mossero a sdegno il popolo e il clero, perchè fu udito intimare ai peccatori la necessità di bere sino al fondo il calice della penitenza, e sopra di lui spargeasi la ridicola novelletta dell'asino sacrilego, che egli punì per averlo trovato mangiando una lattuga nell'orto d'un chiostro.

il villano che ritornando dal mercato, e contando il numero degli asini acquistati, non computa nel numero quello ch'egli cavalcava e ritorna al mercato per cercarvelo;

il giorno di Natale voleva si porgesse miglior nutrimento all'asino e al bue;

e squadernando dinanzi agli occhj degli asini in seggio le lodi pitoccate e bugiarde, aveste ufficj e onorificenze.

L'istinto di conservazione, rinforzato dalla bile e dall'odio contro l'asino imbecille che l'aveva tirata in quell'avventura, dettero alla povera signora una forza straordinaria, che a casa sarebbe subito scomparsa alla vista del più piccolo ragno.

Ed eccone un altro, più bello e più schiettamente odorante d'olezzo d'asino.