Inspirassion

Scegli parole eleganti
36 collocazioni per  vipera

36 collocazioni per vipera

E Luisa risalì mentre su per le stanghe delle scale scorreva la fiamma come lingua di vipera;

un sogghigno, un morso di vipera.

La noia è come il veleno della vipera:

Il Pusterla lo abbracciò intenerito, e alzando gli occhi verso Ramengo, che teneva su loro intento lo sguardo, come la vipera sull'usignuolo ammaliato,O amico, (gli disse) qual consolazione nella solitudine, nelle sventure, il trovarsi allato un figliuolo!» Come al gettar olio sul fuoco, tal divampò Ramengo nell'intendere parole, che gli rammentavano quanto esso pure avrebbe potuto godere di quella consolazione;

io cercherò il tuo cuore di vipera, e ve la immergerò tutta!»

la mano inesperta di quella donna disperata aveva realmente schiacciata la testa della vipera.

egli rideva con le pupille il riso della vipera.

e, inalberando l'insegna della vipera, aveva radunato un buon numero di cavalieri, che marciavano dietro di lui pronti a combattere.

Il conte le si avvicinò lentamente, fissandola fino dalla porta col suo vivace occhio da vipera.

t'es une gourde!» le sprizzava dalle sottilissime labbra come il fischio velenoso d'una bella vipera.

«A cagione del tuo cuore di ghiaccio, e del tuo ghigno di vipera;

Ma si consideri il diverso stile di quel grave trattato, nel quale non sono neppure le altre imagini di vipera, Mirra, volpe, ecc. Vel.

«Quando t'imbatti nella vipera ècci forse partito altro diverso da quello di correrle tosto sopra e di romperla co' piedi?

All'avvocato Fabrizio cocendo essersi scottato le dita, venne in mente d'interrogare alcuna per qual modo poteva affermare che la Felicina toglieva altrui gli amanti, e fece peggio, perchè la interrogata come vipera rispose che questo non diceva per lei, perchè innamorati, ella non aveva avuti fin ;

che così si cominciò a soprannominar la casa dei Visconti per cagione della vipera, ossia del serpente dell'armi sue gentilizie.

bastava dichiararsi contrario alle tristizie sue, imperciocchè così lene lene con la sua lingua di vipera egli blandiva e tanto sottilmente il tossico v'insinuava che pur giungeva cacciargli il sospetto nell'anima.

Avevano cessato di bestemmiare in tedesco, ma ridevano in italiano... Ed uno si volse indietro a guardarmi, lui, proprio lui quell'infame rideva con una bocca da vipera!

fissò con occhio di vipera la giovanetta che non poteva indovinare l'origine di quell'ira, ma pure ne fu sgomenta per un secreto terrore che l'investì.

tutto sa l'odore della vipera.

Quantunque la Violante fosse religiosissima gentildonna e specchio vero di carità fraterna a modo suo, avrebbe prima toccato la pancia della vipera che la mano di una popolesca, o di un popolano, i quali le avessero offerto l'acqua benedetta;

Parma Regi parens, tumida percutiet illum, Vipera draconem.

Serpens in obliquo, tumida exitque draconi. Parma Regi parens, tumida percutiet illum Vipera draconem.

era stanca infine delle sorde persecuzioni di quella vipera, sapeva bene che suo studio era di guastarla col marito, perchè non aveva portato dote in casa, ma ormai glie le avrebbe dette sul muso le sue ragioni che non era una vita questa.

Lo spavaldo, che, in quella bell'alba di marzo, aveva avuto rabbia e vergogna de' suoi rimorsi, cadde più che mai in potere di queste vipere dell'anima.

Ma veda, la è chiara come il sole di luglio che regna in tutto Babele; legislatori e leggi, mentre rifuggono dal fine peggio che dal sangue di vipera, ecco qua spianano le strade e ci spingono la gente.

La lettera si contorse dapprima senza ardere, con degli scatti di vipera ferita a morte.

«Perciò questo trigonocefalo ha, per alcuni riguardi, la struttura della vipera, ed ha i costumi del serpente a sonagli;

a un altro tavolo un deputato enorme con una grande catena d'oro spiccante sulla sottoveste nera, improvvisava un articolo politico a un piccolo e sottile deputatino dalla testina di vipera e dagli occhiolini di pesce;

di frode, poichè la frode egli vede precipua nella vulpecula, solo in quanto è volpe, ma in quanto e' la trasforma in vipera conversa contro le viscere della madre, in Mirra che occupa notturna il talamo del padre.

Alla fine, dirigendosi verso la signora impresciuttita, che agitava il suo capetto di vipera, l'abate, minaccioso, esaltato, stendendo un dito verso di lei:

Beneventani, una volta adoratori della vipera, III, 1269, 1270.

Per Matilde fu come se vedesse a un tratto drizzarlesi innanzi il capo d'una vipera.

ma questi con un ribrezzo, come se fosse al contatto d'una vipera, ributollo, e gli disse:

e tra queste bene spesso ne occorrono di tali che percuotono le orecchie, quasi una squilla che suoni a infortunio, o piuttosto feriscono il cuore dolorose a sentirsi quanto il dardo della vipera.

... O Mare, io non credo che tu malinconicamente t'avvoltoli sul dorso della Terra come una vipera sul dorso d'un ciottolo!

Credo io piuttosto che Leone significhi una figura di vipera che tuttavia i Beneventani nella stessa loro città tenessero alzata sopra qualche colonna, o fabbrica alta: superstizione ereditata dagli antichi Longobardi.