Inspirassion

Scegli parole eleganti
55 frasi di esempio con  aquilotti

55 frasi di esempio con aquilotti

Franzon era già una mezza celebrità fin da quel tempo per le sue fortunate operazioni ostetriche, e la gran scienza faceva perdonare in lui il naso d'aquilotto e i modi di villan scozzonato e superbo, che gli avevano meritato il titolo di dottor Grobiàn.

Da quel cominciai a guardare in cagnesco il piccolo dottor Grobian, dal naso d'aquilotto, dalle spalle di facchino, che andava schiacciato sotto l'enorme tuba e infagottato nell'enorme cravattone di seta.

«A cui di voi si sente capace di portarmi i tre aquilotti...» O come sapete, io interruppi, che ci hanno tre aquilotti nel nido?

«A cui di voi si sente capace di portarmi i tre aquilotti...» O come sapete, io interruppi, che ci hanno tre aquilotti nel nido?

«Chi di voi, continuava costui, mi riporta i tre aquilotti si godrà dieci ducati di oro».

Gli aquilotti strillano,sono sordo;

gli aquilotti beccano,gli lascio beccare:

per giunta poi, genitori degli aquilotti che portavo meco.

Pensate un po' voi se dovevano, o no, essere nuovi spettacoli un cristiano sospeso per l'aria, che girava girava come fuso che torce la canapa, col nido degli aquilotti in collo, giuocare di scherma incontro alle aquile, le quali con tutte le malizie loro s'ingegnavano lacerarmi, e lo abisso pieno di stridi degli uccelli, e di voci umane le mille volte ripetute dagli echi, di penne svolazzanti, di sangue grondante, e di furore.

Chiusi gli occhi, e vidi fuoco;gli riapersi ben tosto, però che quattro graffi dolorosi nella fronte mi ammonissero che accorressi a difenderli, se non voleva che le aquile me li cacciassero di nido, come io aveva fatto agli aquilotti loro.

Mentre favellava egli trasse di tasca un suo pugnaletto, e, senza punto cessare dalle parole, tagliò il capo agli aquilotti.

Colui, mozza ch'ebbe la testa all'ultimo aquilotto, ci disse:

Andate a rimettere questi tre aquilotti morti nel nido donde gli avete cavati.

o le aquile e gli aquilotti non potevano essere demonii?

Quantunque io vi conservi rancore per non avermi contentato a riportare gli aquilotti nel nido, pure, che siate uomo animoso non è da dubitarsi.

E per lui, per quell'aquilotto che metteva appena i bordoni, mastro Jacopo aveva smosso il suo piglio burbero;

Accadeva dunque all'arte della pittura ciò che è dei piccoli aquilotti nel nido, che sentono nascer le penne e già batton l'ali, quantunque abbiano ancora i bordoni.

Franzon era già una mezza celebrità fin da quel tempo per le sue fortunate operazioni ostetriche, e la gran scienza faceva perdonare in lui il naso d'aquilotto e i modi di villan scozzonato o superbo, che gli avevano meritato il titolo di dottor Grobiàn.

Da quel cominciai a guardare in cagnesco il piccolo dottor Grobian, dal naso d'aquilotto, dalle spalle di facchino, che andava schiacciato sotto l'enorme tuba e infagottato nell'enorme cravattone di seta.

un'Anitra, un Dronte, un Lori, un Aquilotto, ed altre curiose bestioline.

" sclamò l'Aquilotto.

" E l'Aquilotto abbassò la testa per nascondere un sorriso, ma alcuni degli uccelli sghignazzarono apertamente.

Immaginate che aquilotto avrebbe dovuto nascere da quelle auspicatissime nozze!

Parole che facevano andar fuori della grazia di Dio la contessa Zanze e mettevano la febbre addosso al conte Luca, altrettanto meravigliato di aver un figliuolo di quello stampo quanto sarebbe maravigliata la chioccia che s'accorgesse d'aver covato un aquilotto.

E rivide la vergine ventenne con la fronte segnata dal destino sfiorar diritta il ripido cammino, baldo aquilotto da le ferme penne.

ora son rôcche col ponte alzato, circondate da fosse con cigni, sormontati da un aquilotto, con un sole raggiante sul capo;

«Queste aquile e aquilotti, quelle Tuileries, questo Roi Jérôme, che torna a galla, non mi finiscono di piacere:

«L'aquila rapì un pezzetto di carne arrostita dall'altare di Giove, e lo portò agli aquilotti del suo nido, e riprese il volo per cercare altra preda.

e non sapendo gli aquilotti ancora volare, bruciarono col nido.

mi sento morire, ma prima di dare ai tuoi aquilotti il mio cuore, il mio gran cuore, rendimi, ti prego, un buono ufficio.

Faceva pensare ad un aquilotto malato.

allegro anche nei momenti più critici da non allarmare l'inconscio aquilotto.

Il sopraggiunto aquilotto, che aveva ascoltato attonito e con un segreto germogliare di emulazione, fu all'indomani portato in volo da un'aquila dagli esperti artigli, nel cielo delle battaglie, tra le prime raffiche della fredda, ostile bora.

L'aquilotto si alzò in segno di saluto figliale e di muto proponimento.

Fra gl'irrequieti aquilotti passa il comandante:

Lo feci per svergognare questi aquilotti della nostra vecchia Roma.

E tu mi hai additato anche tu lasciasti, come Napoleone (quanto simile e diverso!) un aquilotto:

l'aquilotto dorme vicino alla grande aquila.

SOSTA DI AQUILOTTI.

Vanno, i tre aquilotti che han sostato da me.

e quando i grossi occhiali da batrace si fissano al di sopra dei baveri rialzati, i tre aquilotti sono identici, assolutamente identici, trigemine creature d'ibridi accoppiamenti nell'aria, partoriti in nome della Patria.

Aquilotti d'Italia!

Tra qualche minuto il fato vostro è deciso, aquilotti d'Italia.

7 1914 » 31 La traversata della morte » 75 Una notte di Natale » 109 Supremo grido » 141 Sosta di aquilotti » 171 Il carnevale del siluro » 197 La Fede » 259 Come nella tetra leggenda adriatica » 267 NOTE:

Un amico di Tiziano corse a dar relazione del fatto al roccolo di Sant'Alipio, fece piangere Maria e dovette consolarla colle solite speranze, mentre suo padre Isidoro, maledicendo l'odiato aquilotto bicipite salì nella sua camera e si mise in tutta fretta a bruciare varie carte.

Ma senza dubbio, caro sior Antonio, figuratevi se non farò tutto il possibile per aiutarvi a liberare dagli artigli dell'aquilotto il povero nostro amico Tiziano.

Rammentavano la sua vivacità, i suoi motti, la sua fortuna d'essere sfuggito agli artigli dell'aquilotto bicipide, e in pari tempo al grugno dell'Orso, e lo attendevano di ritorno dall'esiglio.

e mi pareva di udire la tua voce, quando seduto sullo scoglio in fondo al terreno, ti burlavi dell'aquilotto, fumando pacificamente la pipa, con Turco sdraiato ai tuoi piedi.

Un aquilotto, bell'umore, vedendoli, discese in mezzo al prato;

Ti sappiam dire che non avevamo mai veduto un uccellacelo come te! E io vi so dire rispose l'aquilotto levandosi d'un colpo d'ala che d'asini come voi n'ho visti molti!

IL SOGNO Le nubi, incalzate da Borea pe' cieli sconfinati, gli aquilotti, caduti dai monti con l'ali fiaccate dalla tempesta, le ondate eternamente ricacciate via dalla scogliera, invidiavano un tranquillo popolo di pini nati e cresciuti tra il monte e il mare.

Ma i pini, vedendo le nubi e gli aquilotti e le ondate andare andare e andare, fremevano dentro e maledicevano alle loro immense radici.

mai alcuno sognò di negare forza alla lionessa, o vietar la preda alla tigre, o di disconoscere nella volpe gli astuti accorgimenti, o di trovar l'aquila meno sublime dell'aquilotto.

Teschi di cinghiali e di lupi, od aquilotti confitti sulle imposte ferrate, nell'atrio corna di cervi e di capriuoli, indicavano i forzosi divertimenti dei signori.

Il Trionfo della libertà, ci l'aspetto di un generoso aquilotto che vuol tentare il primo suo volo.