Inspirassion

Scegli parole eleganti
12360 frasi di esempio con  bocca

12360 frasi di esempio con bocca

Allor sicuramente apri la bocca e cominciai:

Confusione e paura insieme miste mi pinsero un tal «» fuor de la bocca, al quale intender fuor mestier le viste.

Per grazia fa noi grazia che disvele a lui la bocca tua, che discerna la seconda bellezza che tu cele».

Quel che rimase, come da gramigna vivace terra, da la piuma, offerta forse con intenzion sana e benigna, si ricoperse, e funne ricoperta e l’una e l’altra rota e l temo, in tanto che più tiene un sospir la bocca aperta.

Ond ella, che vedea me com io, a quïetarmi l’animo commosso, pria ch’io a dimandar, la bocca aprio e cominciò:

e tu, figliuol, che per lo mortal pondo ancor giù tornerai, apri la bocca, e non asconder quel ch’io non ascondo».

Grado grado che queste parole uscivano dalla bocca della fante, veniva sempre più mancando il colore nel volto e la virtù vitale nelle membra commosse della duchessa....

la bocca pare che non abbia compíta una parola....

» «Taci, chè il giuramento della tua bocca accresce i motivi di non averti fede.

Sorgeva con impeto;mutati due passi, sta;punta la mano destra su la tavola,la persona abbandona sopra la gamba sinistra, che attraversa con la destra, premendo il pavimento con la estremità del piede,gli occhi immobili, fitti per terra,la bocca tremante;il sangue gli trascorreva su la faccia, come fa l'onda marina, però che adesso comparisce infiammato, adesso pallido:

Alfine disegna spengere la lampada, la prende in mano, se l'appressa alla bocca, compone le labbra in atto di spingere l'aria;in questo punto la pupilla trascorrendo discerne tal cosa per la quale Manfredi abbrividisce;

stende la mano che stringeva la lampada, l'accosta alla parete,era una spada che vi stava attaccata;sospira, avvicina di nuovo il lume alla bocca; percorre, girando il capo, e più volte, la stanza;

«Parmi...» soggiunse Yole, ed abbassata la voce accostò la bocca all'orecchio della madre, «parmi ch'egli ci abbia abbandonate.

eranvi manette, spranghe per la bocca, tanaglie, e l'altre suppellettili degli antichi giudizi.

Il no, nella sua bocca, sarà una parola introvabile, impossibile a proferire.

L'innocenza ha parlato, per bocca del figliuoletto dei Rossi.

E subito comanda ai serventi di portare le provvigioni di bocca in un vicino boschetto di faggi, che già aveva adocchiato arrivando.

rispose l'esperienza paesana, per bocca di uno dei mulattieri.

La sua osservazione è giudiziosa, quasi profonda, come tutto ciò che gli esce di bocca.

Terenzio bocca d'oro!

è bello vederle all'opera, sgranocchiare allegramente d'ogni cosa, rinunziando volentieri alle forchette e ai coltelli, dove possono bastare le mani, non badando ad ungersi un pochino le dita, e magari gli angoli della bocca.

Anzi, diciamo tutto, ad un certo punto se lo lasciò sfuggire di bocca.

Io sento ribrezzi e accidenti e una debolezza che mi snerva: mi duole il capo ed ho la bocca amara.

Dal suo cappellino scendeva un velo piuttosto folto sul viso che lasciava però travedere una bocca bellissima e la punta di un nasino aristocratico.

Del resto, uno sguardo ardente, dei lineamenti purissimi, una bocca voluttuosa e nella fisonomia una forte somiglianza con Paquita, sebbene l'espressione fosse meno caratteristica e meno simpatica.

Ma aveva saputo contenersi e niuna parola era mai uscita dalla sua bocca.

Quando la musica cessò, agitato e non potendo più resistere alla brama di sapere la verità, l'intera verità (sebbene si fosse promesso di non aprire bocca su tale argomento), disse con voce sommessa e che tentava invano di render pacata:

Con gli occhi accigliati e su la bocca una piega amara, si alzò ed uscì, passando dinanzi alla Svarzi senza neppure guardarlo.

Esploro lontano, e vedo tettoie formidabili dagli occhi di porpora, arrotondati dall'attesa, che s'accosciano intorno alla fumida bocca della stazione, sulle matasse e le trecce dei luccicanti binarî... Le sinistre tettoie a quando a quando oscillano, come nordici pescatori dal gabbano incatramato che agli scogli s'aggrappan, nello sforzo di trarre a riva grandi reti ricolme di pesca... Lo so:

Quale orrore squisito! Le sue unghie s'accaniscono a lisciarmi la carne del volto, e la sua bocca vorace passa e mi mangia le labbra!

Uragano dalla bocca tôrta come le vaste brecce che il fulmine di Dio scava nella fronte dei templi sacrileghi, scatena, scatena dunque la muta delle tue onde dai denti di lupo!

... Uragano, mi strozzi! O Luna verde, mistico ragno che con laboriose zampe intrecci i miei cordami, lascia dunque ch'io vomiti l'anima mia frenetica sulla tua bocca triangolare!

Sembra molto ammodo, è vestita di nero, ha la bocca in forma di cuore, occhi sensuali.

(accarezzando la mia Anima) Baciami sulla bocca... Così!

Tu la faccia protendi per giungere alle mie labbra, e con le braccia il collo m'imprigioni... ed io ti sfioro la bocca con le dita!

... Sono dieci, son mille, gli amanti che ti cercano E tu dimmi, tu gridami sulla bocca qual'è il preferito!

... La porta spalancata miagolava come la bocca affamata d'un gattaccio infernale dalle vaste pupille fosforee, soffiando il rauco suo odio e la sua bava fischiante, tutti a nudo gli artigli, aguzzati sulla madreperla delle lune abolite!

... E la porta scoppiata, vociferante e rossa fumava come la bocca d'un Drago!

Olà! venite a me, vecchi mendichi affranti, e furfanti e banditi, scacciati come cani rognosi fuor delle chiese del mondo dall'ira dei sagrestani! Eterni vagabondi dai piedi sanguinanti, vecchi cenci feroci, limati dalle lame dei venti, venite a me che vi chiamo, ritto in cima alla punta estrema di un promontorio con le mani a portavoce sulla bocca... Venite! Ohè!

... L'attenderemo, sinistri e placati, incollate le labbra sulla tua formidabile bocca frantumatrice di rocce... e a questo funebre bacio presiederà la Morte!

non ha pensato che lo spirito dell'autore parla, proprio colà, per bocca di Mafarka el Bar, quando lo fa irrompere in mezzo a tutta quella putredine umana, con la scimitarracito le stesse parole del Poetafolgoreggiante e ricurva sul suo capo come un'aureola.

Ma si battè subito sulla bocca, e voltosi alla sorella che guardava sorridendo, soggiunse:

Ché se fusse posto el principale affecto ine, mi sarebbe data cosa finita, e farebbe come la parola che, escita che è fuore della bocca, non è piú;

e, se tu el dicevi con la bocca, el cuore tuo era di longa da me.

però che egli è uno cibo che vuole essere preso con la bocca del sancto desiderio e gustato per amore.

Cosí la bocca del desiderio, che disordinatamente l'ama, gli paiono dolci e soavi a prendere, ed egli v'è su l'animale immondo di molti peccati mortali, e' quali fanno immonda l'anima e dilonganla dalla similitudine mia e tolgonla della vita della grazia.

Vedendo Eliseo che egli non era risuscitato, andò egli con la propria persona e conformossi tucto col garzone con tucte le membra sue, e spirò aciando septe volte nella bocca sua.

E doppo questa unione donò e' septe doni dello Spirito sancto a questo figliuolo morto, aciando nella bocca del desiderio de l'anima, tollendole la morte nel sancto baptesmo.

Mira furfante, che si pone in bocca certi pezzi massicci di carne e certi bocconi tanto stravagantemente grandi, che non se li può voltar per la bocca, e li trabocca giú come li mandasse in una cloaca, e con tanta furia che non mangia, ma trangugia;

Mira furfante, che si pone in bocca certi pezzi massicci di carne e certi bocconi tanto stravagantemente grandi, che non se li può voltar per la bocca, e li trabocca giú come li mandasse in una cloaca, e con tanta furia che non mangia, ma trangugia;

A che proposito far duo occhi, due orecchie, due faccie, due mani, due piedi, duo spalle, ed una bocca, dove sta tutta l'importanza?

ché l'uomo vive per la bocca, e non per gli occhi per l'orecchie.

darmi fame di lupo, bocca di rana, pancia di rospo, collo di grue, denti di cane, due lingue di serpe, stomaco di sturzo, che bevesse come cavallo, dormisse come ghiro e cacasse come una vacca?

Vieni, ché il padrone ti aspetta a tavola con un piatto di maccheroni straordinariamente grossi, che appena ti capiranno nella bocca.

or chi crederebbe che fussero uscite da quella bocca, dalla quale poco innanzi ne son uscite l'altre di contrario tenore?).

ve ne cavarebbe una di bocca quante tanaglie ha il mondo.

Una porchetta con una crustina sopra, che, masticandola, ti stride sotto i denti, poi si dilegua in latte in bocca;

Eppure, memore dell'ingrato scherzo di Maddaloni e della catilinaria della vigilia, nel rivedermi dopo la dispersione e la ruina, un lampo di soddisfazione guizzò negli occhi incavati, e un fuggitivo sogghigno gli contrasse gli angoli della bocca.

E par che il borbottio si parta dalla sconquassata bocca del re sovrastante, di questo ammantellato padrone della strada, e lamenti la miseria del tempo.

Ancora i capelli neri erano copiosi e belli, ancora, tra la frangia diffusa, gli occhi neri splendevano, ancora la bella bocca era rosea.

Nino Sbrizza, vestito di panno azzurro scuro, col berretto alla marinara, un garofano rosso all'occhiello e un sigaro in bocca passeggiava assieme con due amici lungo il viale, divorando con gli occhi Maria, che lo guardava a tratti, fuggevolmente, per non farsi scorgere dai curiosi.

E' mi ha promesso sposare quella mia figlioccia di Guaidalmira... se già quel tristo impiccato di Laidulfo non l'ha messa in bocca al diavolo.

l'uomo non vive solamente di pane, ma di ogni parola che procede dalla bocca di Dio.

non vi restate in bocca ad un lupo affamato, irritato, con le mascelle armate di denti, e di niente meglio avido che stritolar la sua preda.

Questo maledetto latino ci piove in bocca come la manna nel deserto.

Richezza ène peso d'oro e d'argento, ministra di rangole, diletto senza allegrezza, invidia da non satiare, desiderio da non compire, bocca grandissima, concupiscenza invisibile.

portale allo tuo padre, e mettigliele in sulla bocca;

E egli si partì e ritornò a Adamo (374), e missegli le granella in bocca, e contogli quello che l'angelo gli avea detto.

e per la lena che di bocca gli uscie (di quella lena gli donò l'anima), altressì si ritrae al suo comandamento;

e quello (487) che li suoi dodici ministri comanderanno, sarà quello ch'egli avrà comandato della sua bocca.

chè dalla bocca del figliuolo di Dio sarà comandato e detto:

Lucia, al sentirsi presa, levò un grido, lo raddoppiò quando si sentì alzata e ficcata nella carrozza, ma quando vi fu, una manaccia villana le cacciò un fazzoletto sulla bocca e le soffocò il grido nella gola.

altri videro una carrozza che si allontanava di galoppo, e stette qualche tempo a seguirla col guardo, a bocca aperta;

altri, che era accorso ad un punto della via per cui la carrozza non era ancora passata, la vide venire, trascorrere, vide una bocca d'archibugio che usciva dallo sportello, e si ritirò tosto, fingendo di non aver nemmeno badato.

gridò Lucia, ma il malandrino, con volto iracondo, le protestò che s'ella gridava un'altra volta, il fazzoletto sarebbe rimasto sulla sua bocca fino a ch'ella fosse giunta al luogo destinato.

ahi! S'aveva mo a mandar così un povero curato galantuomo sotto la bocca del cannone?

Bersaglio sovente degli strapazzi e degli scherni dei bravi, ella aveva imparato a tollerare, rodendosi quando non poteva ripetere, ma quelle poche volte che le era lecito di straziarli impunemente senza dispiacere del padrone, le uscivano dalla bocca cose tanto argute, tanto profonde, tanto inaspettate, che il diavolo vi avrebbe trovato da imparare.

L'invito era ben altrimenti gradevole che non nella bocca della vecchia del castello, e Lucia, che sentiva il bisogno di nutrimento, accondiscese con riconoscenza.

me lo dichiarò di sua bocca don Alessandro.

Di bocca in bocca la voce dell'esistenza di questo manoscritto arrivò agli orecchi di monsig.

Di bocca in bocca la voce dell'esistenza di questo manoscritto arrivò agli orecchi di monsig.

Sentiamone il racconto dalla bocca stessa della Signora.

ROBERTO (appena Rosa ha fatto tre passi verso destra, imitando un cane) Brrr... bau, bau, bau!... ROSA (con enorme spavento, lascia cadere il dolce, fa il segno di croce, e scappa da destra gridando a bocca piena) Ah, ahi!

ed i bravi che gli sfuggivano di bocca, si estinsero sulle labbra.

Me la racconterete, rispose Franz, e sono convinto che dalla vostra bocca il racconto mi farà quasi tanta impressione, quanta ne potrei ricevere nel vedere il fatto.

non eravi su tutto quel selciato, in tutte quelle carrozze, a tutte quelle finestre, una bocca muta, un braccio ozioso;

I colti gaudenti rammentano con maggior piacere che il vino d’Inverigo godeva fino in antico una tal quale riputazione fra i migliori, e appoggiano l’erudizione loro coll’autorità d’un poeta di nome Bertucci, che, arieggiando il Ditirambo del Redi, che ognun comosce, del Bacco in Toscana, scrisse alla sua volta un Bacco di Brianza, nel quale si leggono i seguenti versi, che pone in bocca allo stesso Nume:

Livia, che ha tutto compreso, si reca il fazzoletto alla bocca per soffocare un singhiozzo irrompente.

Va, va, senti, ho la bocca amara, un po’ di caffè, ti prego.

L’orgoglio, in bocca, ti dice:

e cápiti chi può a far da spia, saprò ben tenere la lingua in bocca.

«Come, Aldobrado, tu qui?» Ma l’altro ricopertosi immediatamente, portò il dito alla bocca accennandogli di tacere.

larga la bocca; protendenti, ma scarne le mascelle;

onde ritrovarti, ed hanno già preparata un’ampia catasta di vecchie legna nel parco per gettarti ad arrostire, onde vedere tutti i diavoli uscire dalla tua bocca.

gli impose soltanto che entrando nel sotterraneo del castello non gli si scostasse giammai dal fianco, e stesse pronto ad eseguire alla cieca e arditamente ciò che gli avrebbe ordinato, badando principalmente che se gli avesse affidato una donna, le impedisse, per qualunque causa si fosse, emissioni di grida, turandole, se occorreva, la bocca co proprii lini.

Maria s’accostò, sorridendo, quella tazza alla bocca;

Maria, la tua bocca ha trasfuso in quel vino il fuoco o il veleno.

In mezzo al laghetto sorgeva sovra un’alta base una colonna sostenuta sul dorso di quattro leoni, dalla bocca dei quali scaturiva un largo getto d’acqua, alla cui sommità stava un angelo portante nella destra una bandiera, nel cui campo vedevasi la vipera d’oro.

Non nuove riuscirono al certo a Palamede le narrazioni di Marco Ferro, poichè egli era stato istruito del vero essere di quell’Eremita e dei ladri dalla bocca stessa di questi nella loro segreta tana del cervo:

Ancor non era sua bocca richiusa, quand una donna apparve santa e presta lunghesso me per far colei confusa.