Inspirassion

Scegli parole eleganti
3480 frasi di esempio con  cenno

3480 frasi di esempio con cenno

Antiocheni, eppure ivi non ne fa cenno:

ma la modesta iscrizione scolpita su quel monumento celebrava il valore e deplorava la sventura del giovane Re, senza far cenno della sconsigliatezza con cui se la procacciò.

Invece Checco agitò la testa ad un cenno di diniego.

Don Giovannino era già rientrato, fermandosi quasi sull'uscio ad un mio cenno.

«Da questo rapido cenno delle cose che ci sembrano mende nell'esecuzione del piano tale qual'è, può indursi che lo stile sia generalmente diffuso;

Ne diede un cenno il Tommaseo nell'Antologia, tom.

«Lascerei come una inezia questo cenno sul Griso.

La cena finita, il sagan gli fece cenno di seguirlo, e lo condusse in una stanza remota, ove egli si ritirava quando aveva bisogno di raccogliersi.

Egli annuisce con un cenno del capo, senza comprendere;

C'era della gente ch'egli salutava appena con un cenno del capo, e che gli si protestava d'un tratto devota e obbediente;

disse Laura, vedendo che alle prime parole del domestico, Gin era impallidito e aveva fatto cenno di tacere.

come ho già avuto l'onore di accennare, io continuo a credere che in questo caso... Carlo Alberto lo interruppe facendo un cenno colla mano che tolse da sostenere il mento e che con lenta mossa ripose, richiusa a pugno, sul piano della tavola.

Il padre gli fece colla mano un cenno di licenza.

Domandò ruvidamente il signor Tofi senza rispondere nemmeno col menomo cenno al saluto, senza levare il cappello di testa, le mani di tasca.

Il giovane fece un cenno affermativo.

Maddalena fece un cenno d'acconsentimento indifferente, e Barnaba uscì.

L'uscio a vetri dello stanzino s'era socchiuso senza rumore di sorta, e frammezzo alla apertura compariva la faccia da faina di Graffigna che faceva cenno a Pelone andasse a parlargli.

Qui il direttore della casa di commissioni fece un lieve cenno che pareva significare aver egli alcuna cosa da dire.

Bada bene che non un tuo cenno, non uno sguardo tradisca le nostre segrete intelligenze!

Marcaccio pose allora tutta la sua attenzione ad osservare quel vecchio pezzente, e riconobbe alla fine in lui il benemerito Graffigna, rispose col medesimo linguaggio di gesti, com'era suo dovere, di aver capito e d'esser pronto ad ogni cenno.

Graffigna, uscito dall'osteria, dopo aver fatto cenno a Marcaccio di seguirlo, s'era fermato a pochi passi lontano dall'ingresso della bettola, sotto il fioco raggio d'un lampione municipale a cui troppo scarsamente l'illuminatore aveva misurato l'alimento dell'olio.

Questi, che pareva ascoltare siffatto discorso con una certa mala voglia, fece pur tuttavia un cenno affermativo colla testa, senza disserrare le labbra.

Langosco drizzò la sua persona, ordinariamente incurvata, con una mossa piena di superba sicurezza e guardò tutt'intorno come per cercare quella presenza di cui gli si faceva cenno.

nessuno osasse penetrare in Cafarnao, finchè un nuovo cenno tornasse a permetterlo;

Tanasio che si arrogava certi pigli da capo-schiera, saltò sopra una panca che c'era per colà, e dominando da quella maggiore altezza il fiotto di teste umane che si agitava e veniva a battere intorno al capo-fabbrica stordito da tanto rumore, fe' cenno colle mani di acquetarsi.

e il cenno che ne fa Nowairi, con errore di data, nella Storia d'Affrica, in appendice alla Histoire des Berbères, par Ibn-Khaldoun, versione di M. De Slane, tomo I, p. 431;

Un cenno di Giorgio Monaco, ediz.

il cenno di Girgenti e altre città in Ibn-el-Athîr.

il resto è accozzato di fantasia su qualche cenno degli annalisti italiani.

La sorgente è un passo della Cronica del monastero al Volturno, presso Muratori, Rerum Italicarum Scriptores, tomo I, parte II, p. 418, nel quale si fa quel vago cenno senza data, dopo un documento del 916.

Nel confuso racconto di Dsehebi si fa anche cenno d'un assalto anteriore a quello in cui fa presa la città.

Abulfeda, anno 325, appena un cenno della rivoluzione.

cit., p. 48, anno 6446, e ve n'ha un cenno in Ibn-el-Athîr, anno 325, e in Nowairi, op.

ma il combatter qui val meglio che tanta dottrina! Il cenno che do di questa grande rivoluzione è tolto da Ibn-el-Athîr, anni 333, 334; MS.

Al suo modo di compilare supporrei piuttosto un enorme anacronismo che l'abbia portato a confondere questo Ibn-Asci'ath con l'autore della setta dei Karmati, del quale ho fatto cenno nel Libro III, cap.

Ibn-Khaldûn, Histoire de l'Afrique et de la Sicile, p. 165, 166, e il breve cenno del Nowairi presso Di Gregorio, p. 15.

e la menzione fattane in suo breve cenno prova che nel X secolo fosse terra importante per popolazione o commercio.

abbiamo altra guida sicura che qualche cenno della Cronica di Cambridge, con che potremo interpretare la vaga rettorica e spesso bugiarda, de' due bizantini.

Chronica Sancti Benedicti, presso Pertz, Scriptores, III, p. 209, nel cenno su Landolfo l'Ardito che cominciò a regnare il 958 (si corregga 968).

cit., t. III, p. 561 (l'autore scrisse tra il 996 e il 998, ma fa un brevissimo cenno);

Ibn-el-Athîr, Abulfeda, Nowairi, e Ibn-Khaldûn, e il cenno d'Hagi-Khalfa, anno 427, ch'è mal reso nella versione del Carli, p. 70.

Malaterra non fa cenno della porta occupata.

III del presente Libro i ragguagli cavati dalla Vita di San Niceforo vescovo di Mileto, e il cenno che do di questa agiografia alla fine dello stesso capitolo, p. 273 del volume.

D'altronde abbiam fatto cenno del gran lusso degli Zirîti in Affrica:

D'altronde Makrizi nel cenno biografico non dimenticò l'appellazione di Sufita.

Della Modawwana abbiam fatto cenno nel Libro III, capitolo XI, p. 222 di questo volume.

[1407] Nel cenno d'Imad-ed-dîd, tolto probabilmente da Ibn-Kattâ', è detto, tra le altre lodi, Sostegno di sultani.

un cenno del sergente o del capitano, e già hanno capito, e anche senza questo, sanno da se quel ch'hanno da fare....

Quel tal Michele che trovammo, se il lettor se ne rammenta, alla Torre del Gallo, e che rimasto in campo fin ch'era durato l'assedio, s'era poi condotto in Firenze, e così istrutto da Troilo, senza farsi vedere in casa i Lapi, s'andava raggirando in modo che il suo padrone l'incontrasse assai sovente, ond'esser sempre pronto ad un suo cenno, per tutti i fortuiti accidenti che mai potessero nascere.

disse Baccio troncandogli le parole, e facendo un risoluto cenno a' mazzieri, a questo modo si porta egli rispetto al magistrato?

Tre di costoro afferratone l'opposto capo, aspettavano con istupida indifferenza il cenno d'incominciare, e Niccolò, volgendo il cuore a Dio ed implorando l'intercessione di Fra Girolamo, diceva:

Ma neppur il Nobili non vi pose mente, raumiliato ed invilito dalla severa ed augusta presenza dell'indomito vecchio, e dal suo cenno risoluto, al quale gli parve impossibile disubbidire.

L'ultimo storico della letteratura spagnuola (History of spanish literature by GEORGE TICKNER, Boston 1865) nota errori del Llorente e del M'Crie intorno al Valdes, non fa cenno del libro del Beneficio di Cristo, e non distingue i due fratelli.

la sorellina di cui fa cenno pare si chiamasse Aganippe.

di lui fa cenno che una volta sola nei dialoghi, per combattere come assurda e inetta e degna di star fra le cause occulte l'ipotesi d'attribuire la marea alla combinata azione della luna e del sole, mentre Galileo l'assegnava al doppio movimento della terra.

Lo Scioppio, che conosciamo, accusò Leone Alazio, di cui pure abbiam fatto cenno, d'avere distratto i migliori libri di quella raccolta, ma egli se ne scolpò.

Ivi pure trovo cenno d'una solennissima missione, che nel 1714 fece il padre Segneri (juniore) sulla piazza di Santa Croce;

e non disse mai parola, non fece mai cenno, che ricordasse il suo antico stato.

E ciò faremo, perché, appressandoci a tempi nostri, noi pensiamo che sieno piú chiare, piú alla memoria dei leggitori le suddivisioni, e possa cosí essere loro piú grato aver tutto compiuto, politica e coltura, il cenno di ciascuna di esse.

volsi la testa, e vidi una vecchia zoppicando affrettarsi dalla estremità del campo, e far cenno con la mano che sospendessero di comporre il corpo nella sepoltura:

Questi lo squadrò da capo a' piedi, non gli stese la mano e soltanto gli fece cenno di sedersi.

Gli altri stavano intorno sottomessi al cenno del Berènga.

E poi fattosi avanti al proscenio sedò col cenno delle braccia il tumulto delirante e lanciò l'invito per la sera dopo.

E tutte le pupille ansiose cercavano verso il cenno delle mani nell'oscurità.

Vico Machiavelli, senzachè pure se ne accorgesse il capitano, con la miccia tesa da gran tempo aspettava impazientissimo il cenno.

Al cenno della mano che il gonfaloniere gli fece, il notaio dei Signori si alza e con voce tremante legge:

E al balcone si affacciò Vico Machiavelli, che con la voce e col cenno chiamava i compagni a riparare in cotesto estremo propugnacolo.

Pure se punto vi cale saperlo, salite qui.—Il pseudo farmacista è già nelle stanze entrato di un dottore il quale affacciatosi al noto grido, gli fece cenno dalla finestra, salisse pur su, che un confratello avria trovato con cui alternare i saluti e le soavi parole.

I Paralipomeni sono opera di Esra posteriore a Daniele, ed è probabile sentenza quella in cui oggi conviensi, e di cui è qualche cenno nel Talmud, che dopo Esra i più antichi della magna congregazione recato abbiano a compimento il libro delle cronache.

quel desso che per animare i Fedeli al martirio soleva citar loro l’esempio dei Zefardehim Rane o Coccodrilli, che al cenno di Dio, comecchè irragionevoli fossero, si gettano nei forni ardenti del popolo Egiziano.

[106] D’uno di questi accordi è cenno in quel verso dell’Eneide:

È notevole che Omero non fa verun cenno di questo vulcano, così acconcio a fantasie poetiche.

Così dipinge il parassito:—Mi basta un cenno per correre ad un convito, cenno aspetto per presentami dove si fa nozze.

Così dipinge il parassito:—Mi basta un cenno per correre ad un convito, cenno aspetto per presentami dove si fa nozze.

Polibio non ne fa cenno;

Ad un mio cenno L’astrologo conduci innanzi a quella Fenestra.

E vi si fa cenno di dotte discussioni che peraltro non dovevano procedere molto tranquille:

Al che tien dietro, per contrapposto, un cenno, più breve, dei principali fautori di libertà, fra i quali tutti naturalmente Azzo porta la palma:

16 Una mano maschile si agita in un cenno di saluto ironico.

Sergio s'inchina, poi fa cenno di voler parlare.

Poichè m'arresto incuriosito e guardingo, a distanza prudente, uno dei custodi mi sorride, mi fa cenno cortese di avanzarmi senza esitare, m'accosta lui stesso la belva al guinzaglio;

Ed ecco che Sir Hugh Wheeler fa un cenno e nel silenzio generale s'avanza nella gran sala e parla.

e i tamburi, in doppie, in quadruplici file, seguìti dai pifferi e diretti, guidati, tiranneggiati dal gigantesco capotamburo, che rotea in alto superbo la sua mazza d'ebano col pomo d'argento, al cui terribile cenno essi battono il rullo assordante o lo sospendono d'un tratto... impietriti.

lietamente, plaudendo, col cenno, con gli sguardi, con la voce, tutti lodano Albiera.

delle quali quella che alle altre sovrasta e par che presegga, fa a lui cenno di accoglienza amorevole.

gridò Ciommo Donnarumma, che era quel salsumaio parente di Masaniello, di cui facemmo cenno più sopra.

In un Resunto originario de la solebacion de la ciudad de Napoles, che si trova tra le Relaciones de los tumultos, di cui ho fatto cenno nella Notizia premessa a questo libro, così parlasi di lui;

Racconto ecc. f. 88 v. Il Tutini accusato presso il duca di Guisa di aver scritto la lettera contro di lui all'ambasciatore di Francia, di cui sopra egli stesso fa cenno, per evitare la sorte toccata ai suoi compagni Salvatore di Gennaro, ed Antonio Basso ai 17 gennaio 1648, si rese latitante, ed indi fuggì a Roma, ove tra il 1666 ed il 1667 morì.

Di loro parla lo Zazzera narrando questi avvenimenti, ed Innocenzo Fuidoro nei Successi storici della sollevazione del 1647, di cui ho fatto cenno nella Notizia sopra indicata n. 4.

E volto il cavallo seguitato da quelli ch'erano con lui, e come pazzo girando per Napoli facea serrar botteghe, tagliar teste a quelli che gli parevano in fragranti crimine, come anco a cavaglieri che trovava in carrozza, li faceva smontare di carrozza, come anco a quelli che trovava a cavallo, facendoli bravate e spropositatamente comandandoli che stessero vigilanti ad ogni suo cenno quando volesse comporre le leggi.

Giacomo vi si lascia cadere come affranto, ringraziandola con un cenno del capo e della mano.

Oggi... due ore fa, al ministero, mentre sbrigate le ultime firme, stavo per alzarmi e per recarmi al pranzo, mi sono sentito come un senso di... di... freddo, di nausea... Un ronzìo alle orecchie... Mi si annebbiò la vista e... giù, come un morto, in deliquio! Ah mio Dio, perchè non... Remigia si ferma per un cenno di Mimì.

La della Gancia chiama l'avvocato Berlendis e lo fa salire nella propria carrozza e così, con un cenno assai espressivo, anche il marito.

Hàder, eccomi pronto a' tuoi cenni, io risposi con un accento tanto sommesso quanto il suo era prepotente, e fatto cenno a' miei compagni di seguirmi, senza dir altro, presi il sentiero che conduceva alla barca.

ma non così i due compagni missionari, ai quali Ciòl cenno, quando furono a una certa distanza, d'aspettare, ed egli, deposta la lancia e la clava, si presentò al Gran-Capo, a cui disse ch'erano miei amici frangi e non turchi;

[110] Della origine paradisiaca di alcune piante medicinali è pur cenno in tradizioni popolari tuttora vive.

che fu dallo stesso demonio ingannato con quell'ambiguo responso della messa da celebrare in Gerusalemme, e fatto un cenno della penitenza, chiude il racconto, annunziando la salvazione del pentito, e riferendo il miracolo del sepolcro.

Il Re fece un cenno, il presidente si accostò col libro santo nelle mani ed il Sovrano stesa su di esso la destra pronunciò il giuramento mentre il segretario Berni leggeva la formola scritta, da noi ripetuta già poco innanzi.

Lo Stella nel 1829 le chiedeva il suo ritratto, l'elenco de' suoi scritti pubblicati e qualche cenno su quelli cui attendeva, per la collezione da lui intrapresa dei Ritratti delle donne europee viventi chiare nelle scienze, nelle lettere, nelle arti belle, collezione di cui la parte letteraria doveva venir affidata ad ottimi scrittori ed i ritratti essere eseguiti da Camilla Guiscardi.

Egli che già aveva fatto cenno a chi doveva guardarli, entrato che fu con essi in una stanza, li fece subito prendere prigioni;